Gravidanza, acido folico contro le malformazioni neonatali

Condividilo!

Woman thinking pregnancy plansIntervenire sull’alimentazione per garantire al nostro futuro figlio tutta la salute che merita: tante volte ci viene suggerito, dai nostri medici di fiducia o dai pediatri che sempre più si prodigano per suggerire alle mamme i cibi più nutrienti e adatti allo sviluppo di un neonato, di adottare una dieta salubre e quanto più varia possibile per tutelare la crescita. Sulla base di ciò, è naturalmente possibile intraprendere un regime alimentare equilibrato già a partire dalla gestazione, mettendo al centro della nostra dieta una particolare vitamina, su cui sono stati effettuati diversi studi, per confermare la sua capacità di combattere le eventuali malformazioni fetali che possono verificarsi durante la gravidanza.

Parliamo dell’acido folico, noto anche come vitamina B9, particolarmente presente nella maggioranza dei vegetali presenti sulle tavole di qualsiasi famiglia: frutta, legumi, cereali integrali e spesso frutta secca. La vitamina in questione è in grado di intervenire direttamente sulla formazione e sintesi dell’acido nucleico: un fattore essenziale per uno sviluppo cellulare salubre e forte.

Il suo ruolo all’interno di una dieta volta a scongiurare quanto più possibile eventuali malformazioni, tra cui anche la spina bifida, è confermato dall’OMS, che ne consiglia l’assunzione di circa 0,4 milligrammi al giorno affinché possa esplicare il suo effetto, iniziando possibilmente durante il periodo precedente il concepimento, per poi proseguire durante le prime fasi della gravidanza. L’acido folico o vitamina B9 si dimostra in questi momenti un valido alleato nella prevenzione di alcune patologie neurali, ed aiutandosi eventualmente con i cosiddetti alimenti “fortificati” (con aggiunta di B9) è possibile senz’altro garantirsi il giusto apporto di questo prezioso alleato contro i difetti neonatali.

Al momento, purtroppo, non tutte le donne incinte ne assumono una quantità sufficiente a rendere più contenuto questo rischio da non sottovalutare, dedicandosi a una dieta meno rispettosa del fabbisogno alimentare proprio e del neonato: tuttavia, con alcuni piccoli accorgimenti, è possibile introdurre in via del tutto naturale l’acido folico nella nostra dieta e ricavarne benefici che un giorno ci faranno apprezzare ancora di più la perfetta salute nostra e del bambino appena nato.

Condividilo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*